I livelli normali di ossigeno usando un impulso oximetro

I fornitori di assistenza sanitaria spesso devono sapere quanto i polmoni stiano funzionando nel trasferire l’ossigeno al sangue. Le cellule, i tessuti e gli organi hanno bisogno dell’ossigeno per funzionare, e la mancanza di essa può causare molte complicazioni in tutto il corpo. Durante la prova del sangue arterioso dà una lettura accurata dell’ossigenazione del sangue, l’ossimetria dell’impulso fornisce un modo meno invasivo e indolore per misurare i livelli di ossigeno.

Come funziona l’ossimetria dell’impulso

Gli ossimetri di impulso misurano la quantità di emoglobina ossigenata e deossigenata nel sangue arterioso, che porta ossigeno dai polmoni al resto del corpo. Ogni molecola di emoglobina – una proteina all’interno della cellula del sangue – trasporta 4 molecole di ossigeno. Quando tutte le molecole di emoglobina stanno trasportando 4 molecole di ossigeno, il livello di saturazione dell’ossigeno è del 100 per cento. L’emoglobina ossigenata assorbe più luce infrarossa e sangue deossigenato più luce rossa. Un fotorivelatore di fronte all’emettitore di luce sull’ossimetro di impulso riceve la luce e calcola il rapporto tra la luce rossa e quella infrarossa, che dà la percentuale di saturazione dell’ossigeno.

Livelli Normali

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), in una persona sana, i livelli di saturazione dell’ossigeno nel sangue arterioso cadono tra il 95 e il 100 percento. Una lettura al di sotto del 95 per cento in una persona sana con funzionalità polmonare normale indica un basso livello di ossigeno nel sangue, una condizione medica chiamata ipossiemia che richiede indagini mediche: i livelli di saturazione dell’ossigeno inferiore al 90 per cento devono essere considerati un’emergenza medica, che consiglia l’OMS. I sintomi di ipossemia, compresa la cianosi o una colorazione bluastro alla pelle e alle mucose, non sono evidenti fino a quando la saturazione dell’ossigeno non scende al di sotto del 90 per cento. I primi segnali di scarsa ossigenazione includono respirazione rapida o difficile, inspiegabile inspiegabilità, apprensione o confusione.

Cause di livelli anormali

Molti disturbi possono causare letture di ossimetro a impulsi inferiori a quelli normali, inclusi disturbi della salute come malattie polmonari ostruttive croniche e insufficienza cardiaca. Disordini respiratori acuti come attacchi di asma, polmonite o un coagulo di sangue nel polmone provocano anche basse letture di ossimetro a impulso: le basse letture non correlate ai disturbi del polmone possono verificarsi in persone con insufficienza di circolazione, come quelle a bassa pressione sanguigna o malattie circolatorie Che influenzano il flusso di sangue al sito dell’ossimetro di impulsi. I bassi livelli di emoglobina, o anemia, possono anche influenzare l’ossimetria dell’impulso. Livelli artificiosamente bassi possono essere osservati in persone con pelle scura, chiodi spessi o estremità fredde.

Utilizzo corretto dell’ossimetria dell’impulso

Gli ossimetri ad impulsi sono abbastanza facili da usare, sia nell’ambiente ospedaliero che in casa. La sonda, che contiene gli emettitori a raggi infrarossi e rossi, può essere posizionata su qualsiasi zona del corpo sufficientemente traslucido per il passaggio del segnale e con adeguato flusso di sangue arterioso. Mentre le dita o le dita sono spesso utilizzate, l’orecchio o anche il ponte del naso può essere utilizzato se la circolazione alle dita o alle dita dei piedi è scarsa. L’impulso oximetro è generalmente impostato su allarme se il livello di saturazione dell’ossigeno scende al di sotto di un valore impostato. I parametri di allarme possono essere resettati come necessario.; Inviato da: Tina M. St. John, M.D.